All’origine della parola inglese Twerk

31 03 2016

Alcuni anni fa la parola inglese twerk ha avuto uno straordinario successo soprattutto in riferimento ad un ballo che implicava movimenti di spinta del “fondoschiena” e dei fianchi. Indizi dell’origine di tale danza andavano ricercati nella scena della “bounce music” di New Orleans degli anni Novanta. In particolare in una canzone ‘Jubilee All’ di DJ Jubilee che andava ripetendo il ritornello “Shake baby, shake baby, shake, shake, shake… Twerk baby, twerk baby, twerk, twerk, twerk.”
Lo Oxford English Dictionary, però, ha riferito che l’uso di twerk risale a circa 170 anni fa sostenendo che nel 1820 il senso della parola era “a twisting or jerking movement”.
I ricercatori dello Oxford English Dictionary ne hanno rinvenuto l’uso in una lettera dell’autrice di Frankenstein, Mary Shelley:
“Really the Germans do allow themselves such twists & twirks of the pen, that it would puzzle any one. “(1820 Charles Clairmont, Letter, 26 Feb.) .
Il sostantivo ha assunto, intorno al 1928, anche un’accezione negativa per denotare“an ineffectual or worthless person; a fool, a “jerk”’ .

https://www.youtube.com/watch?v=oSCz5RP2gfY




Basso tedesco e alto tedesco

15 03 2016

Di solito si suddividono le parlate germaniche in due gruppi: a settentrione, il basso tedesco(ted. Plattdeutsch o Niederdeutsch), e a sud l’alto tedesco (hochdeutsch) delle regioni più alte e montuose centro-meridionali.Negli antichi documenti il tedesco era designato col termine thiudisk/ diutisk che indicava propriamente la lingua “popolare, volgare” in contrapposizione al latino. La più antica lingua letteraria basata sul basso tedesco è il sassone antico (Heliand). La linea immaginaria che separa le due zone linguistiche si trova in un luogo intermedio dal tratteggio incerto che sta a dimostrare che tale separazione è soltanto teorica.
Si può constatare che tale linea separa le forme Dorp e Dorf “villaggio” e si trova molto più a settentrione di quella che separa le forme Appel e Apfel “mela”. La principale caratteristica che distingue i dialetti alto tedesco da quelli basso tedesco è la seconda rotazione consonantica che ha trasformato le occlusive sorde p t k del basso tedesco in affricate sorde (pf, z, kh) o in fricative sorde (ff, ss, hh) e le occlusive sonore b d g del basso tedesco in occlusive sorde (p t k); questo fenomeno è più intenso nel tedesco superiore che nel tedesco medio o centrale.